Domenica, Agosto 19, 2018

juventus champions leagueSi fa in salita il cammino della Juventus in Champions League; allo "Stadium", nell'andata degli ottavi di finale, i bianconeri si vedono rimontare due gol dal Tottenham e chiudono con un indigesto 2-2. Fra tre settimane, a "Wembley", gli uomini di Allegri saranno chiamati a disputare una partita perfetta contro gli inglesi, capaci di tenere a lungo la Juventus sotto scacco.

L'allenatore livornese deve fare i conti con numerose assenze, ma prova ugualmente a schierare una formazione coraggiosa; a centrocampo rinuncia di fatto ad un uomo (non gioca infatti Marchisio che appariva credibilmente candidato ad una maglia insieme a Pjanic e Khedira) disponendo Douglas Costa sullo stesso lato di Mandzukic e Bernardeschi sulla fascia opposta, con Higuain al centro dell'attacco. Pochettino, dal canto suo, non si snatura e alle spalle dell'infallibile spauracchio Harry Kane propone Lamela, Dele Alli ed Eriksen.

I britannici hanno nell'attenzione difensiva il proprio punto debole e Higuain può approfittarne già dopo due minuti, quando gira splendidamente in rete il servizio di Pjanic. I bianconeri si rendono artefici di un inizio folgorante e trovano il raddoppio già al 9°, con Higuain che trasforma un calcio di rigore ineccepibile fischiato dall'arbitro Brych per un'entrata scomposta di Davies su Bernardeschi. Poco dopo, Higuain potrebbe addirittura rendere magico l'avvio bianconero, ma la sua conclusione esce ad un palmo dal palo. La squadra di Pochettino trova però una scossa dal pericolo corso e inizia a conquistare sempre più campo, dominando, in buona sostanza, per quasi un'ora. Kane tiene fede alla propria fama scorrazzando per l'attacco; prima, il suo colpo di testa viene prodigiosamente fermato da Buffon, mentre al 35° l'estremo difensore juventino non può nulla sulla punta inglese che, servita da una verticalizzazione di Alli, deposita in rete il 2-1 dopo aver aggirato Buffon. Allo scadere del primo tempo, i bianconeri beneficiano di un nuovo tiro dal dischetto; Aurier abbatte Douglas Costa e dagli undici metri si presenta nuovamente Higuain, il cui tiro si stampa però sulla traversa.

Nella ripresa, l'occasione più limpida per i bianconeri nasce da una splendida conclusione di Bernardeschi a cui Lloris risponde deviando brillantemente in corner. Il beffardo pareggio degli inglesi arriva al minuto 72, quando Eriksen calcia una punizione dai 22 metri, su cui Buffon non è reattivo. Le poche sortite tentate da entrambe le squadre producono poco o nulla e rimandano alla partita di ritorno il discorso qualificazione, con i bianconeri che, per allora, confidano di recuperare Dybala e di ritrovare un po' di imprevedibilità.

Nell'altro ottavo di finale disputato ieri, il Manchester City di Guardiola passeggia sul campo del Basilea vincendo per 4-0; al "St. Jakob Park" gli inglesi chiudono la questione già nei primi 45 minuti andando a segno con Gundogan, Bernardo Silva e Aguero. Nella ripresa, poi, il centrocampista tedesco di origine turca perfeziona il risultato e completa la propria doppietta. Questa sera si presentano interessanti gli altri due ottavi con Porto-Liverpool e con lo scintillante incrocio del "Bernabeu" tra Real Madrid e Paris Saint Germain.

Gigi Bria

comments

CULTURA

RICETTE

MISTERI

FASHION