Giovedì, Febbraio 22, 2018

sanremo 2018 meta moro vincitoriSono Ermal Meta e Fabrizio Moro, i vincitori del 68° Festival della Canzone Italiana di Sanremo con il brano 'Non mi avete fatto niente'. I due artisti si sono aggiudicati anche il Premio Tim come canzone più ascoltata sulla App della Società di telecomunicazioni. Al secondo posto, Lo Stato Sociale con 'Una vita in vacanza', terza classificata, Annalisa con 'Il mondo prima di te'.

Altri cantanti della sezione Campioni sono stati insigniti di riconoscimenti: Ron, con il brano 'Almeno pensami' si è aggiudicato il Premio della critica - Mia Martini. A Lo Stato Sociale è andato il Premio Sala Stampa Lucio Dalla. Il trio Vanoni - Bungaro - Pacifico si è aggiudicato il Premio Sergio Endrigo istituito quest'anno. Max Gazzè ha incassato il Premio Gaincarlo Bigazzi come miglior composizione musicale. Tra le Nuove Proposte, premiato Mirkoeilcane con il Premio Sergio Bardotti come miglior testo.

La serata conclusiva della kermesse è stata connotata dalla presenza di ospiti di assoluto spessore. La prima è stata Laura Pausini che si complimenta con Baglioni per il successo del Festival e con lui ha duettato proponendo il brano 'Avrai'. Dopo, la Pausini ha deciso di uscire fisicamente dall'Ariston per cantare tra la gente che si assiepava all'esterno e catturando il pubblico improvvisato con 'Come se non fosse stato mai amore'. L'artista ha regalato al pubblico anche 'Non è detto', brano contenuto nell'album che sarà in commercio dal prossimo mese di marzo.

Altro momento di leggerezza, quando un gruppo di ragazzi è salito sul palco facendo finta di smontarlo. Una trovata per presentare il programma 'Sanremo Young' che andrà in onda venerdì prossimo su RAI 1, condotto da Antonella Clerici.

Pierfrancesco Favino porta serietà e commozione sul palco del Festival, quando interpreta un monologo tratto da 'La notte prima della foresta' di Bernard-Marie Koitès che affronta il tema dell'esclusione sociale. L'attore sente molto l'importanza delle parole contenute nel testo, al punto di nascondere a stento la commozione sul finale.

Ed è l'esibizione di Favino che introduce la seconda super-ospite della serata: con Claudio Baglioni entra Fiorella Mannoia e con il direttore artistico interpreta 'Mio fratello che guardi il mondo', scritta da Ivano Fossati: altro momento di grande pathos, specie per Baglioni.

L'atmosfera dell'Ariston si elettrizza quando entrano in scena, Francesco Renga, Max Pezzali e Nek. Con loro, Baglioni propone 'Strada facendo'. Il pubblico è in visibilio ed anche la presidente della RAI, Monica Maggioni non si sottrae all'entusiasmo.

La simpatica Sabrina Impacciatore resta vittima di un divertente episodio quando, al suo ingresso sul palco le rimane incastrato un tacco nel tulle dell'abito che indossa: è Michelle Hunziker a cavarla d'impaccio ma le disavventure per l'attrice non finiscono qui: nonostante Favino le porga galantemente il braccio, la Impacciatore finisce a terra tra le risate generali e le prime sono proprio quelle della Impacciatore.

Cala così il sipario sulla 68ma edizione del Festival della Canzone Italiana che, come sempre, ha saputo unire e dividere tra canzoni ed immancabili polemiche.

Antonio Marino

 

Foto: Ansa

comments

CULTURA

RICETTE

MISTERI

FASHION