Venerdì, Giugno 22, 2018

JohnsonLondra, 16 marzo - Nuova benzina sul fuoco della crisi tra Gran Bretagna e Russia per il caso Skripal. A gettarla è stavolta il Ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson che ha accusato apertamente il presidente Putin di aver deciso l'avvelenamento dell'ex spia.

"Enormemente probabile che sia stata una sua decisione", ha affermato il Ministro, precisando di non avere nulla nei confronti del popolo russo, ma di avercela con il Cremlino.

Pressoché istantanea la replica di Mosca: "Da Londra un'imperdonabile violazione del galateo diplomatico".

Antonio Marino

comments

CULTURA

RICETTE

MISTERI

FASHION