Venerdì, Ottobre 20, 2017

fusilli nero seppia cozze vongoleIn questa giornata speciale che è Ferragosto, occorre saper essere all’altezza anche a tavola per festeggiare degnamente. Estate e quindi, i frutti di mare che sono un classico intramontabile. Il piatto che vorrei proporvi oggi è quello dei fusilli al nero di seppia con cozze e vongole.

Non è particolarmente complicato da realizzare. Per quattro persone vi serviranno 400 grammi di fusilli al nero di seppia, un chilo di cozze, 500 grammi di vongole, uno spicchio d’agio, 250 millilitri di vino bianco, dieci pomodorini, un peperoncino, due cucchiai di olio extravergine d’oliva,. Infine, sale per quanto potrà bastare.

La prima cosa alla quale pensare, sono le vongole che vi suggerisco di acquistare già spurgate e pulite: eviterete così di perdere almeno tre ore per svolgere questa noiosa operazione. Idem come sopra per le cozze. In una casseruola dove avrete versato due cucchiai di olio extravergine d’oliva, oltre all’aglio, dopo averla fatta riscaldare per alcuni minuti, deponete le vongole e le cozze. Durante la loro cottura, sfumate con il vino bianco, mettete il coperchio ed attendete che i gusci dei frutti di mare si aprano.

Nel frattempo, fate bollire l’acqua per la pasta e lessate i fusilli per una dozzina di minuti. Durante questa procedura, dedicatevi ai pomodorini che andrete a tagliare in quarti per poi aggiungerli ai frutti di mare per poterli far appassire: vi basteranno cinque minuti di cottura. Correggete di sale e concludete la cottura.

Ultimata la cottura dei fusilli rigorosamente al dente, una volta scolati aggiungeteli al condimento di cozze, vongole e pomodorini e fateli saltare. Mettete il peperoncino che dovrà essere tagliato a rondelline ed il piatto sarà pronto. Per quel che riguarda il tempo di cottura complessivo del condimento e quindi, completo della pasta, non dovrà superare il quarto d’ora.

Circa il vino da abbinare, occorrerà stare su un bianco profumato e secco. Buone scelte sono il Vermentino ligure o quello di Gallura. Diversamente, una Falanghina, un Greco di Tufo oppure un siciliano come ad esempio, il Bianco d’Alcamo, l’Inzolia o un Grillo.

Gli estimatori della birra potranno scegliere una doppio malto chiara come la Bock.

Buon Ferragosto a tutti e alla prossima ricetta!

Chef Antony

comments

CULTURA

RICETTE

MISTERI

FASHION