Sabato, Maggio 26, 2018

lana andeI Camelidi del genere Lama si distinguono in alpaca, lama, guanaco e vicuña; questi preziosi animali hanno fatto parte della vita delle popolazioni andine per molti secoli. Vivendo dai 3000 ai 5000 metri di altitudine, con temperature estreme (dai -20°C ai + 20°C in un solo giorno), hanno sempre rappresentato una risorsa importante per la popolazione: come mezzo di trasporto, come cibo per la loro carne con basso contenuto di colesterolo e per le loro soffici e finissime fibre. Le fibre dei camelidi sudamericani sono, in genere, estremamente leggere e caldissime e vanno trattate con molta cura perché sono fini e non particolarmente resistenti.

Il gradino più alto del podio se lo aggiudica il manto della vigogna, un camelide delle Ande a lungo a rischio di estinzione e oggi quasi completamente salvato, grazie soprattutto alle politiche oculate del Perù. La fibra di vigogna è più sottile del cashmere ed è assai difficile da ottenere: dalla tosatura di un esemplare adulto si ricavano 250 grammi di lana ogni due anni. Un chilogrammo di vigogna arriva a costare quasi 400€.

Tra le lane pregiate di origine andina un posto di riguardo è occupato dall’alpaca, camelide parente della vigogna, che produce una lana priva di lanolina, naturalmente anallergica e refrattaria all’infeltrimento. La produzione per ogni capo (gli alpaca sono allevati in greggi simili a quelli di pecore) va dai 2,5 chilogrammi annui per la femmina ai 4 del maschio.

Il guanaco è un camelide affine al lama diffuso in Sudamerica, in particolare in Perù, Ecuador, Cile e Argentina. L'animale presenta un manto doppio: uno più ruvido all'esterno e uno più soffice all'interno, particolarmente fine. Il colore del manto varia di poco: solitamente si va dal marrone chiaro al color cannella scuro, con riflessi bianchi nella parte inferiore e nel collo.

Il lama è il più grande tra i camelidi sudamericani; fin dal periodo degli Inca, per il suo peso e la sua stazza, era usato come mezzo di trasporto. L'animale, pettinato con un processo che permette di eliminare la fibra più spessa, dà una lunga fibra soffice, brillante e di vari colori molto apprezzata nell'industria tessile.

Sergio Cairati

comments

CULTURA

RICETTE

MISTERI

FASHION