Sabato, Maggio 26, 2018

daniela cavalliniCarissimi Amici, carissime Amiche, è nuovamente con noi il Dott. Cristian Pirillo, il Medico Nutrizionista che quest’estate ci ha presentato il suo metodo dimagrante, asserendo che in soli 20 giorni è possibile registrare la perdita di 10 kg di peso corporeo, in modo salutare (vedi interviste “Meno 10 kg in 20 giorni e “Dieta superfast”, reperibili in questa stessa rubrica).

E’ stato bello constatare insieme ai molti di voi che avete affrontato - previo personalizzazione e costante affiancamento consulenziale da parte del Dott. Pirillo stesso) – la cosiddetta dieta super fast, lo stupore ed il soddisfacimento espressi per i risultati ottenuti. Preciso che, per i più scettici – su richiesta – sono disponibili presso lo Studio del Dott. Pirillo, alcune testimonianze, la cui divulgazione è autorizzata dai pazienti stessi.

Devo ammettere che, presa dall’entusiasmo di proporvi un metodo veloce e salutare per dimagrire “presto e bene”, non vi ho illustrato le ulteriori specializzazioni del Dott. Pirillo. Provvedo oggi, introducendo un argomento molto impegnativo che riguarda la nutrizione come coadiuvante nella guarigione di varie patologie, non escludendo neppure le più gravi.

Daniela Cavallini:

Dott. Pirillo, innanzitutto grazie della sua disponibilità ad essere ancora con noi.

Oggi prometto che non la tedierò più con la dieta dimagrante, ma, nel ribadire la sua specializzazione di Medico Nutrizionista e Ricercatore Internazionale, le chiedo cortesemente di illustrare quanto emerso dalle sue ricerche medico scientifiche che, credo di poter “tradurre” in metodologie nutrizionali da lei ideate e somministrate, con risultati incoraggianti, ai suoi pazienti come coadiuvanti della medicina allopatica nella risoluzione di varie patologie, che, come ho precedentemente citato, includono persino le più serie.

Dott. Cristian Pirillo:

Sono io che ringrazio lei e tutti i lettori, perché per me è un vero piacere divulgare il frutto delle mie ricerche. Lei sa bene con quanta passione io mi dedichi al benessere dei miei pazienti.

Prima di indicare le mie aree di competenza, è bene portare i lettori a conoscenza del fatto che un Medico Ricercatore, soprattutto a livello internazionale come lo sono io, è costantemente in fase di aggiornamento. Pertanto, elementi che in alcuni momenti storici erano stigmatizzati, oggi sono stati non solo assolti, ma addirittura consigliati e viceversa. Spontaneo dunque esprimere curiosità e prodigarsi sia per il presente che per il futuro…

Per tornare alla sua domanda, ho personalmente riposto le mie conoscenze medico/scientifiche nell’ideazione dei seguenti protocolli: Dieta “Superfast”, Programma dietetico “Cancer-free”, “Liberi dalle fobie per sempre”. Inoltre sono esperto in Medicina Antiage e Coaching Psicomotivazionale.

Daniela Cavallini:

Certo che so bene con quanta passione ed umanità svolge le sue ricerche e quanto supporto offre ai suoi pazienti… con garbata ironia non posso esimermi dal ricordarle che per ottenere questa terza intervista, abbiamo lavorato negli orari più impensabili…

Detto questo, lei cura molti pazienti oncologici, in concerto con la medicina tradizionale. Ci indica i capi saldi della sua metodologia?

Dott. Cristian Pirillo:

Il mio programma dietetico coaudiuvante le terapie mediche tradizionali in ambito oncologico, si basa su dati scientifici incontrovertibili che tengono in considerazione la fisiopatologia e la biochimica delle cellule tumorali, con particolare attenzione a tutti quei fattori che contribuiscono allo sviluppo e alla crescita dei tumori.

Ho consultato e preso in considerazione migliaia di articoli scientifici pubblicati negli ultimi 30 anni sulle più importanti e accreditate riviste scientifiche internazionali inerenti le più recenti scoperte sulla fisiopatologia dei tumori e su tutti i fattori che determinano la crescita delle cellule tumorali, ed ho elaborato delle strategie dietetico-nutrizionali finalizzate ad inibire tutti questi fattori. Il risultato è che, il paziente oncologico, trova in questi regimi dietetici un sostegno molto efficace e privo di qualsiasi effetto collaterale nel suo processo terapeutico accanto alla medicina tradizionale, con una particolare attenzione alla salvaguardia della salute del paziente.

Daniela Cavallini:

Lei si definisce Ideatore del metodo “Liberi dalle fobie per sempre”: in cosa consiste?

Dott. Cristian Pirillo:

E’ un metodo assolutamente innovativo finalizzato alla risoluzione di patologie che riguardano la sfera psico emotiva, caratterizzate da una componente fobica, il classico esempio è rappresentato dal disturbo ossessivo compulsivo, quando il quadro clinico generale non è così grave da richiedere un intervento medico o farmacologico. Il programma prevede una consulenza psico-motivazionale in associazione ad un programma dietetico finalizzato a migliorare il quadro psicologico dove la componente ansiosa depressiva non sia eccessivamente invalidante.

I risultati ottenuti fino ad adesso sono molto soddisfacenti e incoraggianti soprattutto quando c’è una collaborazione attiva da parte del paziente, che rappresenta sempre il protagonista principale.

Il metodo persegue l’obiettivo di aiutare in modo concreto e in tempi rapidi la persona a prendere maggior consapevolezza delle sue potenzialità e capacità di superare il momento di difficoltà che ha determinato il suo attuale disagio psicologico, con una partecipazione sempre attiva della persona all’interno del suo percorso di recupero psicologico.

Daniela Cavallini:

Parliamo di Medicina Antiaging… per oggi magari solo un cenno, perché è una branca della medicina che desidero trattare approfonditamente e, questo, significa che le sto chiedendo gentilmente la disponibilità per una nuova intervista.

Dott. Cristian Pirillo:

La medicina antiaging che negli ultimi anni sta assumendo una sempre maggior importanza, mira a migliorare la salute generale delle persone attraverso l’adozione di stili di vita molto sani, e finalizzati non solo a prevenire le patologie correlate all’inevitabile trascorrere del tempo, ma a garantire nel tempo una eccellente qualità della vita attraverso un “evidente” miglioramento della capacità psicofisica della persona con una particolare attenzione per quanto riguarda la funzionalità degli organi interni, e l’aspetto esteriore in particolar modo del tessuto epidermico.

Daniela Cavallini:

“Esperto in Coaching Psico-motivazionale”: conosco l’importanza del sostegno al paziente per qualsivoglia terapia, tuttavia, ci vuole indicare come interviene?

Dott. Cristian Pirillo:

L’intervento è caratterizzato da un sostegno psico-motivazionale, in cui assume particolare importanza la componente neurolinguistica.

Il metodo è finalizzato a motivare il paziente nel raggiungimento dell’obiettivo che egli stesso si prefigge, quale ad esempio la guarigione da una patologia, o il superamento di un particolare momento di difficoltà, o il raggiungimento di una qualche gratificazione professionale in cui è richiesto un surplus di energie psico-fisiche, cercando di portare all’attenzione del paziente i benefici che ne possono derivare ad esempio dal raggiungimento della guarigione, o dal conseguimento di una migliore posizione professionale.

Daniela Cavallini:

Dott. Pirillo, per ora – e solo per ora! – la lascio al suo lavoro, ma desidero approfondire, magari con testimonianze, gli argomenti trattati.

A voi tutti, un abbraccio!

Daniela Cavallini

comments

CULTURA

RICETTE

MISTERI

FASHION